(894) Riposo

Finché non è Eterno va bene. Eterno è un po’ troppo estremo, non mi va di pensarci ora, ma un giusto riposo tra un pezzo di vita e l’altra credo sia cosa da fare. Me lo continuo a ripetere: riposare non è un fermarsi per sempre. Poi si riparte, si riprende il ritmo, si va va va va finché non sei esaurita (magari anche un po’ prima) e poi ti ri-fermi un altro po’.

Perfetto. Non fa una grinza. Eppure quando lo faccio mi parte una saetta di senso di colpa che faccio fatica anche a raccontarlo. Una roba da non crederci.

Saranno i diecimila libri che mi stanno aspettando, le diecimiliardi di storie che voglio raccontare, i diecimilamilioni di posti che vorrei esplorare… non lo so. Mi urlano tutti quanti in coro: S-V-E-G-L-I-A-T-I!

Riposare così vien difficile no?

Una volta mi sono pure fatta una lista di tutte le cose che potrei fare mentre mi riposo… ci rendiamo conto? Non serve aggiungere altro.

Il punto è che davvero il corpo ha bisogno di riposo e anche la mente. Che quando sono in overdose mi sembra tutto più enorme e incombente di quel che è davvero. Mi sento debole e da buttare.

E allora perché non mi do pace? Neppure per un weekend?

Ecco, bella domanda. Bella bella bella domanda. Magari un giorno troverò la risposta. Posso al momento solo valutare che questo mio bisogno di rifletterci presuppone un bisogno più profondo: cambiare strategia. Anziché annientarsi di fatica (ritrovarsi col cervello obnubilato alla fine non è una gioia), sto valutando a delle opzioni diversificate, meno estreme. Meno da Eterno Riposo, ecco.

Non le ho ancora messe tutte bene in fila davanti a me per guardarmele meglio, ma arriverò a farlo e mi farò una bella ragionata e forse, dico forse, attuerò un cambiamento. Piccolo, neh, però sempre cambiamento sarà.

Augh!

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(816) Tempo

Credo di aver fatto in tempo. Rischiavo di perpetrare il mio ostinarmi finché le corna non si fossero rotte. Sono solo ammaccate. Non è mica facile fermarsi e farsi due conti, anche se sospetti il risultato non giocherà a tuo favore, tendi sempre a procrastinare. Avere in mano la certezza non è bello.

Quando sai non c’è finzione che tenga. Non è bello.

Credo di aver fatto in tempo. Non mi sono ancora trasformata in una velenosa ciabatta sfatta. Sono ancora moderatamente decorosa – dentro e più o meno fuori – da poter trascorrere i prossimi anni con dignità. La dignità che è obbligo di ogni Essere Umano. 

Credo di aver fatto in tempo. Me ne accorgo quando guardo la televisione, quando navigo in internet, quando saluto persone che conosco, quando sorrido a persone che non conosco. O quando mando a quel paese persone conosciute e sconosciute, perché quel genere di umanità mi fa proprio schifo.

Credo di aver fatto in tempo. Che non significa che sono fuori pericolo, ma che se continuo a prestare attenzione, forse, riuscirò a non cascare nel fango per trasformarmi in una porcata di Essere Vivente. Sono onorata di poter condividere il mio tempo e la mia energia con chi la pensa come me e vive come me, senza mai dimenticare la propria fortuna e le proprie origini. Che anche questo conta, altroché se conta.

So di avere fatto in tempo ed è un sollievo. Davvero.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(631) Balsamo

Il buon vecchio Manzoni definiva la benevolenza un balsamo, ovvero un rimedio portentoso contro la sofferenza. Ognuno ha il suo, alcuni ne hanno più d’uno. Bisogna ammetterlo: un rimedio portentoso contro la sofferenza non è cosa di tutti i giorni. Balsami che abbiamo la potenza di rimediare a certe abominevoli ferite non sono facili da trovare. E più li cerchi e più questi ti si celano.

Non è che ‘sto pensiero mi stia portando molto lontano, credo di essere troppo stanca perfino per riflettere – anche se le dita sulla tastiera vanno dove sanno andare perché hanno ormai vita propria. In momenti come questo, a fine giornata, quando la giornata è stata intensa come quella di oggi ho solo voglia di buttarmi a letto e dormire tutte le ore che posso. Potrebbe essere che in questo periodo il mio balsamo sia il sonno?

Allora ben venga! Ci sono montagne di sonno perso che mi devo scalare, un mese non basterebbe. Le cose più ovvie sembrano quelle meno importanti, non ho mai capito il perché. L’ottusità umana – che appartiene anche a me – è un mistero, oltre che una vergogna. Ci vorrebbe un balsamo per guarire la vergogna o l’ottusità? No, non ora, non riesco neppure a tenere gli occhi aperti, figurati se riesco a tenere collegate le sinapsi.

Buonanotte a chiunque si sia fermato qui per leggermi, mi scuso, ma stasera meglio di così proprio non riesco a fare. Davvero.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(558) Cronometro

Che il tempo esista, inteso come lo intendiamo noi umani, lo si deve imparare da bambini. Impari a leggere l’ora, impari a rispettare gli orari (non tutti e non sempre, specialmente se ami essere un ritardatario), impari che i giorni passano e anche le settimane e i mesi e anche gli anni. Amen.

Che il tuo tempo, però, sia gestito dalle scadenze a cronometro è ben più difficile da digerire. Almeno lo è per me. Il cronometro non tiene conto di niente, non si cura di niente, non gliene frega niente di te. Il cronometro è uno strumento disumano. Il cronometro è un aggeggio diabolico. Abbasso il cronometro!

Già quando parte mi prende l’ansia. I miei pensieri hanno bisogno di immaginarsi liberi dal tempo per respirare e ossigenarsi. Come posso misurare tutto questo? Come?

La messa in opera dei miei pensieri non prevede l’imprevedibile e l’imprevedibile non si preannuncia e non si evita e non si può fermare. Come potrebbe? Come?

L’imprevedibile non arriva soltanto dall’esterno, può nascere dentro la mia testa e può influire anche sul mio corpo che risponde come vuole lui. Come posso pretendere di mantenere il controllo? Come?

Il cronometro questo non lo sa, non è compito suo tenerne conto, quindi va e va veloce e calpesta tutto quello che deve calpestare perché dell’umano lui non sa nulla. E non ne ha colpa. E allora io con chi diavolo me la devo prendere?

Tictictictictictictictic…

Il tempo del mondo non deve essere per forza anche il mio tempo. Posso perdermi e posso riposarmi e posso fregarmene del cronometro. Posso rallentare per ascoltarmi meglio e posso fermarmi per cambiare direzione e posso accelerare quando le cose mi sono chiare e accessibili. Posso.

Quello che non posso proprio fare è imparare che qualcosa di così disumano sia utile al mio agire. Non posso accettare di essere costretta a questa maledetta ansia perenne. Non posso. Non posso proprio.

Quindi: abbasso il cronometro!

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(421) Yogin

Allorché lo yogin è fermamente stabile nella non violenza, coloro che sono in sua presenza abbandonano ogni ostilità. (Patañjali)

Mi piacerebbe riuscirci. Riportare il tutto in un vuoto cosmico e azzerare ogni ombra violenta nell’Essere Umano. Cosa resterebbe? Un mondo di Yogin, suppongo. Talmente inverosimile come ipotesi che neppure Hollywood ci ha mai pensato. E c’è da tenerne conto.

Come in tutte le cose, però, il troppo stroppia. Voglio dire che ci sono dei limiti che non vanno superati, per un sacco di ragioni e una di queste è il buongusto. Il buongusto è quella sensibilità del palato che ti fa arricciare il naso quando il sapore, l’odore, la consistenza ecc, di quello che dici e di quello che fai  è sgradevole. Talmente sgradevole da farti vomitare. Ecco, bisognerebbe fermarsi un 100 mt. prima. Ti fermi e ti ripigli, così eviti di superare quel dannato limite.

Il pensiero violento, al di là della minaccia – che è di per sé disgustosa, è mancanza di buongusto, mancanza di eleganza, mancanza di stile. Per assurdo, sono costretta a sottolinearlo, anche il pensiero non violento a tutti i costi comporta una lista di mancanze. Prima fra tutte: la giustizia.

Temo di essere troppo stanca per spiegare meglio il concetto, sono veramente esausta, pertanto devo limitarmi a un’affermazione lapidaria: non sono una Yogin e non è mia ambizione esserlo. Mi interessa di più badare al mio buongusto e al mio buonsenso, che appena li lasci liberi ‘sti due non sai più dove ti portano. Ecco, mi fermo 100 mt. prima, anche 150 a volte. La prudenza, in questi casi, non è mai troppa.

[rileggendo questo pensiero domani potrei non capirci nulla, eviterò di rileggerlo e sia quel che sia]

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(84) Stop

Oggi ho ignorato uno stop. Oggi ho superato quella linea dove sei obbligato a fermarti. Non riesco a perdonarmelo. Sentivo solo che dovevo dire e che se non lo avessi fatto in quel momento non lo avrei più detto. Ho sentito che non dirlo sarebbe stata una mancanza imperdonabile perché era importante ed è importante non mancare di coraggio quando quello che ti viene imposto per legame d’affetto deve essere detto.

Non importa che io abbia cercato il modo giusto per dirlo. Non importa che io abbia fatto attenzione a non essere fraintesa. Non importa. Non è importante quello che io ho fatto, ma quello che ho detto. Che non poteva essere detto in altro modo perché non avrebbe sortito alcun effetto.

Ok. L’effetto sortito è stato doloroso.

C’era uno stop, di sensibilità suppongo, ho sentito che non dovevo fermarmi finché quello che bisognava dire non veniva detto. L’ho detto.

Ora mi domando: chi cazzo sono io per sentirmi autorizzata a dire?

Nessuno. Posso scusarmi per il dolore causato, non per aver detto quello che ho detto. E questo aggrava la mia posizione.

Cosa rimane? La speranza di avere torto marcio, almeno per questa volta. Me lo meriterei di brutto, questa volta.

Eh.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF