(636) Spiga

Spiga ha come sinonimi: conseguenza, effetto, esito, frutto, risultato. L’ho scoperto oggi. Cavoli, non lo sapevo. Mi si è aperto un mondo.

Se a frutto ci si può arrivare facilmente, con conseguenza-effetto-esito-risultato è già meno ovvio. Almeno per me. Ed eccomi qui a elucubrare su come poter utilizzare questa nuova risorsa in contesti che mi sono famigliari… che lingua pazzesca abbiamo!

Parliamo allora delle spighe con cui mi trovo a combattere in questi giorni, derivate da brutte abitudini di pensiero: quando ci si accorge che il proprio pensiero è calibrato per distruggerci bisogna cambiarlo. Farlo virare verso felici scappatoie. Detto così son bravi tutti, a mettere in pratica certe acrobazie, però, neppure il Barone Rosso. Mi piacerebbe si potesse fare come con il gesso sulla lavagna: passi il cancellino e correggi. Coreggi il pensiero, gli rendi l’equilibrio, la dignità. Senza accuse né giustificazioni, non servono. Basta correggere la disfunzione, farlo in silenzio va bene uguale. Può essere un gesto privato, non da nascondere, ma da viversi nella propria intimità. Cosa d’altri tempi? Forse, ma il tempo è una questione di percezioni e certi magheggi vengono facili.

Non ho mai fatto nulla pensando di schivarne le conseguenze, non m’è proprio mai venuto in mente di poterlo farlo – va’ a capire il perché! – ma ci sono state conseguenze un po’ esagerate in certi frangenti – va’ a capire il perché!

E ti viene da chiedere: ma quelli che mi sorpassano in tangenziale ai 110 Km/h si prendono la multa o vengono calcolati illegali soltanto i miei 96,5 Km/h anche se il limite è per tutti di 90 Km/h?

Ecco, stessa cosa per gli effetti esagerati di certe azioni da nulla: ma quelli che la fanno ben più pesante di me si sciroppano conseguenze adeguate o la loro parte rimbalza su di me e tanti saluti?

Se stai lì a farti due calcoli ti parte il veleno, meglio glissare. Le spighe più belle sono i frutti della terra, in ogni caso, specialmente quando sono mature e hanno il giallo del sole che le fa brillare. Le più belle, non ce n’è per nessuno.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

(569) Veleno

Tutti abbiamo un centinaio di ettolitri di veleno da sputare, pronti per ogni evenienza. Legittimo. Ne riceviamo altrettanti al mese, a nostra volta ne distribuiamo qualche litro a settimana e mi pare un equo scambio. La cosa fondamentale è non sprecarne con chi non lo merita o non capisce quanto lo stia meritando, in entrambi i casi la soddisfazione si riduce a zero.

Lo sappiamo tutti, inoltre, che a piccole dosi il veleno – veramente piccole – raramente risulta letale e che se veniamo a contatto con del veleno a piccolissime dosi in modo costante probabilmente dopo qualche tempo avremo sviluppato gli anticorpi giusti per non aver la peggio.

Dopo anni di veleno ho gli anticorpi giusti, nel senso che continuando a riceverne – perché a me elargito con gran generosità – ormai mi rimbalza. C’è da dire che il veleno di certe persone sa essere più bastardo di altri, perché arriva assieme a un sorriso o perché arriva a sorpresa o perché arriva davvero ingiustamente. Ecco, per quanto io ci provi, quel tipo di veleno mi tocca ancora in profondità. Poi morire è un’altra cosa – perlamordelcielo – ma il contraccolpo mi sbrindella un bel po’.

Il veleno che lancio io, invece, è destinato ai cattivi. Davvero. Ho l’indole della castigamatti senza aver alcun potere terrificante e senza avere l’aspetto minaccioso – a parte certe occhiate, di tanto in tanto – e riservo il peggio di me a chi davanti ai miei occhi si permette di fare o dire qualcosa di veramente cattivo. La cattiveria è una bestia da combattere, sempre.

Purtroppo, le cose che penso e che mi escono dalla bocca con una certa fastidiosa assertività non sono da considerarsi veleno bensì cruda onestà. Questa mia indomabile parte esce se provocata con solerzia e con una certa costanza, altrimenti riesco a domarla e a tenerla per me. Purtroppo i miei avvertimenti – del tipo fermati finché sei in tempo, grazie – raramente vengono intesi come seri tentativi di glissare piuttosto che sbattere il naso contro il muro e quando il vaso è colmo è colmo e tornare indietro non si può. 

Volevo con questo post specificare che se qualuno si sentisse offeso da una mia asserzione, si deve rendere conto che non è la parte peggiore di me – quella velenosa – la responsabile, ma la parte migliore. Quella che per onestà intellettuale non può nascondersi dietro un dito e davanti all’ennesima provocazione si deve per forza far presente. Per questo non posso chiedere scusa. Sarebbe disonesto e codardo da parte mia e non me lo posso permettere. D’altro canto lo dice anche il proverbio:

“Non svegliar la tigre che dorme”.

Roar.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

(563) Portale

Si apre una fessura e vengo risucchiata nel mio iperuranio e non mi fermo più. Posso continuare a parlare per ore, senza perdere un colpo, andando a braccio, finché qualcuno non ha il buonsenso di fermarmi. 

Mi è successo anche oggi, oggi che avevo davanti a me sette anime accoglienti che volevano sapere cos’è una storia e come si scrive una storia… non ricordo neppure quello che ho detto, ma so che tutto aveva un senso: solido, tangibile, prêtàporter. Lo do per scontato. Nel mio iperuranio funziona così.

Dal canto mio, però, ricordo quello che queste sette anime mi hanno raccontato, ricordo le domande che mi hanno fatto, ricordo i loro visi, nomi, sorrisi e quelle zone scoperte che chiedevano un riempimento. Non so se per qualcuno questo può avere senso, ma so che lo ha per me. Non mi serve altro.

E ho superato anche il chi-sono e il cosa-faccio, ho superato il quanto-valgo e il quanto-non-sono-abbastanza, ho superato il cosa-vorrei-essere e anche il cosa-non-sarò-mai… sono approdata al chi-se-ne-fotte-sono-quello-che-sono. E non è che sia un posto comodissimo, neppure splendente, men che meno rassicurante, è soltano una zona dove posso riposarmi. E ho un disperato bisogno di riposarmi, quindi starò qui, che sia per un anno o per sempre non ha alcuna importanza, starò qui.

Varcherò il mio portale ogni volta che potrò, accederò al mio iperuranio ogni volta che vorrò, respirerò aria pura o veleno a seconda della disponibilità. Sono civetta, d’altro canto, senza chiedere il permesso e senza chiedere scusa vivo nella notte più che nel giorno e la mia notte è infinita e non così spaventosa. Lascio che luce mi sia da guida, e nella notte ogni luce ha più potenza.

Ad occhi aperti. Sempre.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF