(734) Rugiada

Ho dovuto imparare a scrollarmi la rugiada di dosso al mattino presto perché il lavoro lo devi andare a incontrare e non ti viene a svegliare a letto come faceva la mamma quando andavi a scuola. Sono un animale notturno, una civetta direi, e questo fa di me lo strazio che sono: comincio a carburare leeeeeeeeeeeentamente e non andrei mai a dormire perché durante le ore tarde il mio cervello – quando non troppo devastato dalla giornata – inizia a funzionare alla grande.

Il mattino, un tempo, lo detestavo. Dovevo alzarmi per fare quello che odiavo fare. L’indolenza adolescenziale me la sono lasciata alle spalle, ma mi è comunque ostico il pensiero che la sveglia puntata alle 6.00 sta suonando e io non posso far finta di niente. Dentro di me l’imperitura lotta fra il chissenefrega e il fai-il-tuo-dovere è sempre cruenta come allora. Stoicamente mi alzo, stoicamente mi butto in doccia, stoicamente arrivo all’auto e affronto la solita coda in tangenziale. Tutto peeeeerfetto.

Mentre percorro gli oltre 30 chilometri per recarmi in ufficio butto lo sguardo sui prati e sul ciglio della strada e quella rugiada che luccica pare un po’ la mia, quella che mi sgocciola dentro. Alla fine sono uguale a un filo d’erba. Considerazione illuminante, vero?

Senza crogiolarmi troppo in quest’ultima immagine, faccio presente che comunque preferirei essere a Bali e godermi il paradiso terrestre, che comunque penso che il mio mattino non abbia l’oro in bocca ma a malapena un ettolitro di caffè da ingurgitare, che comunque ‘sta cosa del viviamo di giorno e dormiamo di notte dovrebbe essere un’opzione e non un’imposizione, che comunque avrei preferito fare la rockstar che qualsiasi altro lavoro al mondo… ma.

Ma il mio cervello in parallelo pensa già a come affrontare ogni punto della lunga lista di cose da fare, a come risolvere quel tal problema, a che idea aggiungere alla presentazione che sto lavorando e via di questo passo. Il mio cervello, la parte che funziona e che non si piange addosso, si formatta autonomamente per permettermi di funzionare – nonostante tutto, nonostante me – fino a notte inoltrata quando appoggio la testa sul cuscino e mi arrendo all’oblio.

Il mio cervello asciuga la rugiada senza neppure il bisogno di un fòn. E io dovrei essergliene grata. Molto anche.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(618) Piano

Piano piano il piano si compie. Inizio subito con la morale della storia, così almeno un riferimento l’ho dato. Perché scendere in particolari richiede tanta pazienza, soprattutto da parte di chi si ferma qui a leggere – per il quale nutro rispetto supremo, per questo eviterò di dilungarmi in un resoconto che è di poco interesse.

Vediamo se riesco a esprimere il concetto senza fronzoli: andare piano non mi piace, di solito, preferisco un’andatura sostenuta. Sempre, fuorché quando cammino. Quando cammino l’andamento forsennato mi fa salire l’ansia. Prima contraddizione? Forse, ma io sono un ricettacolo di contraddizioni – ormai è evidente a tutti. Riprendiamo il filo del discorso: andare piano significa che il risultato arriva dopo molto tempo dalla partenza. La strada può anche essere la stessa ma se la percorri a 50 all’ora, a 90 o a 130 le cose cambiano. Altroché.

In queste ultime settimane ho preso due multe per eccesso di velocità, per un chilometro in più (oltre al limite + 5) e per 3 chilometri in più, considerando che sono stati gli unici due giorni in cui non ho trovato coda in tangenziale ho valutato che la stramaledetta coda quotidiana mi permette di non consegnare il mio dannato stipendio direttamente nelle casse del comune a fine mese. Assurdo? Sì, ma andare piano mi obbliga a metterci un’ora e anche oltre (se piove il tempo si può dilatare a dismisura, non ho ancora capito perché) al mattino e altrettanto a fine pomeriggio e la cosa mi sta demolendo i nervi. Quindi l’assurdità è motivata, ho i nervi demoliti.

Ritornando sul concetto iniziale: andare piano ti obbliga a rallentare tutto, sì, bellissimo, godersi il momento e tutte queste cose meravigliose, ma la vita non è che rallenta, lei ti passa sopra come uno schiacciasassi e gli anni corrono e tu andando piano non li rallenti mica, quelli vanno vanno vanno e ti ritrovi nella tomba prima ancora di aver raggiunto la prima tappa del tragitto. Porca miseria.

Mi piacerebbe che le cose nella mia vita – quelle belle intendo – non succedessero a rate minime con scadenze millenarie. Ci rendiamo conto o no che ho vissuto più tempo di quello che mi resta da vivere? Ci diamo una mossa o no? Vogliamo arrivare alle vere e importanti manifestazioni? Quelle che ti fanno fare un reale salto quantico, concreto non illuminazioni sconvolgenti… quelle vanno bene, per l’amor del cielo, ma mica ti risolvono i problemi. Le illuminazioni ti sollevano dai problemi, ma i problemi restano. Che tu te ne fotta perché ormai sei illuminato va bene, buon per te, ma i problemi restano lì e finché qualcuno non li risolve quelli non svaniscono da soli.

Ora, il mio problema – quello che sta lì da molto tempo – è che il mio avanzare è davvero lento, in modo sottilmente irritante, tenacemente sfinente, caparbiamente esacerbante. Non so se ho reso l’idea. Ecco. Se l’ho resa, molto bene, se non l’ho resa fa niente. Male che vada ho fatto sfoggio di un bel po’ di avverbi inusuali che mi capita raramente di utilizzare. 

L-e-n-t-a-m-e-n-t-e… concludo.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(344) Coda

Credo che il pavone sia sempre stato trattato ingiustamente. Lo si pensa vanitoso, solo perché dotato di una meraviglia che – volente o nolente – si deve gestire come meglio può. Non l’ha scelta lui ‘sta situazione, gli è stata data da Madre Natura, chiaro?

Dunque, immaginiamo di essere un pavone e di essere i legittimi proprietari di una coda che spiegata totalmente nella sua portentosa bellezza lascia tutti a bocca aperta. Che facciamo? La teniamo ripiegata come un ventaglio che si infila in borsetta quando non serve? Follia!

La coda, che è anche portatrice di sana responsabilità, ha bisogno di essere rinfrescata di tanto in tanto, ha bisogno di nutrirsi dei raggi del sole, ha bisogno di sgranchirsi le piume per ravvivare i colori, ci abbiamo mai pensato? Certo che no, mica siamo dei pavoni, mica siamo dotati di una coda di simil portata!

A parte che son bravi tutti a giudicare quando il problema non ti tocca, dovremmo smetterla una buona volta e soltanto ringraziare. Ringraziare ogni pavone che, malgrado quello che gli invidiosi pensano, ci fanno dono del loro dono – di tanto in tanto – lasciandoci a bocca aperta.

Dirò di più: non mi vergognerò più di mostrare la mia coda, d’ora in poi sarò un indomito pavone che fa soltanto ciò che è gli è dato fare. Punto e basta.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF