(844) Aggiornamento

Mi si aggiorna qualcosa e mi si inceppa qualcos’altro. Random. Inutile che mi incazzi, succede ogni sacrosanta volta. E non sto parlando solo a livello tecnologico, intendo coprire con questa mia esternazione l’intero mondo terracqueo che mi riguarda. Fuori e dentro. Lo so, impressionante.

Fatto sta che gli aggiornamenti ci devono essere, si devono fare. Occorre attrezzarsi con un paio di confezioni di Maalox plus, ovviamente. Minimo.

Perché in fin dei conti lo sappiamo che non c’è luce senza oscurità, non c’è bene senza male, non c’è giustizia senza ingiustizia, non c’è aggiornamento senza casini correlati. Amen. Quindi parliamo di cosa significa aggiornarsi: fondamentalmente significa stare al passo coi tempi. Quali tempi? Quelli che stiamo vivendo, ovvero questi. Questi tempi.

Di questi tempi c’è chi fa finta di essere ancora nel Neozoico, e non c’è verso di farlo rinsavire. Allora eccolo che tira fuori la terra piatta, l’inferiorità della donna e che l’Apocalisse sta arrivando. Non c’è niente da ridere, questi dinosauri si riuniscono in gruppi – anche belli numerosi – per autoalimentarsi con teorie ridicole che li infuoca come se fossero carbonelle. Insomma, imbarazzante e alienante. Sarebbe necessario un bell’aggiornamento forzato – stile windows o android – dove anche se tieni spento pc e cellulare non hai scampo. Al riavvio potresti scoprire che sulla schermata di blocco è scomparsa la data e l’ora (m’è successo stamattina, ma non voglio soffermarmi su questo dettaglio da nulla che mi sta facendo ribollire il sangue) o che il tuo desktop sembra non appartenerti più perché si è ordinato con logica venusiana e lo stai fissando da un’ora senza trovare nulla di nulla di nulla.

Ecco, invece no. Gli aggiornamenti indispensabili non sono applicabili, gli altri sì. Mai una gioia.

Quello che voglio dire, lo so suono piuttosto confusa stasera (ve l’ho già detto che mi è scomparsa l’ora e la data dalla schermata del mio cellulare?), ma vediamo se riesco a spiegarmi meglio: il mondo va avanti, perché così è stato pensato, per andare avanti. Non va avanti e poi indietro e poi avanti e poi indietro. Va avanti e NON va indietro. Magari ti sembra, per certi versi, che lo faccia, che stia ritornando sui suoi passi, ma va sempre avanti. E quando vai avanti per forza di cose ti tiri dietro tutto. Ecco, tutto tutto tutto non lo si può portare sul groppone per molto (è troppo, oggettivamente parlando è troppo) quindi alcuni pezzi rimangono sparsi per strada. Tutto normale, no panic. Sarebbe meglio disfarsi delle cose inutili – per esempio i terrapiattisti, i misogini, gli apocalittici – sono d’accordo, ma la prendiamo sottogamba ‘sta sottigliezza. Rimango dell’idea che pensare che ogni cianfrusaglia possa entrare dentro la valigia sia la vera follia. Quindi si fa così: ci si aggiorna i neuroni, si fanno girare meglio, un po’ più leggeri, e si aggiusta l’assetto per procedere e progredire.

Mi rendo conto che sto scrivendo un sacco di banalità, ma ve l’ho già detto che mi è sparita ora e data dalla schermata del mio cellulare? No, son cose da pazzi, davvero… come faccio ora?

 

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(688) Tastiera

Osservando oggi la mia vecchissima e pesantissima Olivetti – per pulirla un po’ – ho ricordato quei due anni di dattilografia che mi vedevano perennemente con le dita scorticate. Un fastidio! Eppure tutte le inverosimilmente noiose ore trascorse a fare esercizi di memorizzazione a ritmi diversi, mi hanno permesso di andare alla cieca e spedita come una saetta, tanto da riuscire a seguire meglio i pensieri quando vanno troppo veloci anche per la penna sul foglio.

Mi sorprende sempre vedere come le mie dita sappiano dove andare, nonostante io non badi a loro, pigiando i tasti giusti e senza tentennamenti. Una sorta di possessione.

Impariamo così, memorizzando e attuando in automatico quello che ormai già sappiamo fare. Diventa parte di noi. Scrivere, guidare, farsi un piatto di pastasciutta… una parte di noi si occupa di compiere questi gesti, l’altra parte pensa al resto. E il resto può essere piuttosto vasto.

Dove sono le chiavi? Dove ho messo il portafoglio? Ho preso il cellulare? Ho chiuso la porta di casa? Ho buttato la spazzatura? Almeno una volta al giorno me lo domando, dandomi ogni volta della cretina: ma dove diavolo ti va la testa, Babs!!! Ecchenneso!

Quando, però, appoggio le mani sulla tastiera è come se fossero loro a tirare fuori da me le cose che devono essere scritte. Lascio a loro il compito e guardo come va. Prima di postare rileggo – se il sonno non mi vince – e sistemo quello che posso sistemare. Non riscrivo mai, qui non si tratta di perfezionare, qui si tratta solo di scrivere meglio che posso e con tutta l’onestà che posso, che è già un bel casino senza impormi virtuosismi inutili, faticosi e senza senso.

Comunque ribadisco: appoggio le mani sulla tastiera e non è più affar mio. Credo che per quanto quello che so fare non rischierà di cambiare il mondo, per quanto sia cosa imperfetta, che io lo sappia fare, che le mie mani lo sappiano fare è strabiliante. Lo è davvero: strabiliante.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(667) Spiaggia

Soltanto se deserta, non ci voglio vedere nemmeno un paguro, solo così la potrei frequentare. Una relazione esclusiva, senza interferenze e senza distrazioni.

Questo per dire che ci sono cose e situazioni (addirittura persone) che riesci ad apprezzare davvero soltanto se c’è una connessione diretta – senza filtri – e senza inclusioni o condivisioni. La mia lista è lunghissima (sospetto di avere un problema, ma non è questo il punto) e anche se me la scorressi più e più volte al giorno, non credo cambierebbe di molto: rimango un’estremista della focalizzazione, non ci posso fare nulla.

Un bel libro che ti viene rovinato dalle chiacchiere del vicino d’ombrellone che mantiene un volume da rave party anche quando sussurra, figuriamoci al cellulare mentre racconta della sua ultima scopata. Presente? Ok, mi metto a leggere un libro solo in un luogo dove le probabilità di essere disturbata si riducono a un buon 10%. Questo è soltanto un esempio, ma credo basti per rendere l’idea.

Ci sono persone che vanno incontrate e conosciute senza avere attorno casino, bisognerebbe farci attenzione, altrimenti rischiamo di non capirci niente.

Una spiaggia deserta ti urla tutta la sua potenza, potenza che merita di essere ascoltata per intero – guai a perdersi anche soltanto un suono. L’attenzione esclusiva ci viene negata continuamente, come fosse un pericolo e non una intrigante possibilità di scoperta e di comprensione profonda. 

Non dico che tutto dovrebbe essere vissuto così intensamente, ma farsi una lista di cose/persone/situazioni che secondo il nostro sentire meritano un’immersione totale, pura e gioiosa del nostro Essere, credo sia un buon consiglio da offrire a chiunque abbia voglia di costruirsi Giorni Così di una certa sostanza. Ecco.

 

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF