(890) Mostri

Bisognerebbe fottersene. Tutto quello che ci fa paura bisognerebbe metterlo in una scatola e basta. Una volta che hai individuato i tuoi mostri li metti al sicuro. Li convinci a starsene lì, tanto mica li puoi distruggere, quelli non se ne vanno. Quindi li metti al riparo. Uno scarto logico, nient’altro che un escamotage per non vivere nell’ossessione del adesso-muoio-nel-modo-peggiore-mai-immaginato-da-un-essere-umano-nei-secoli-dei-secoli-amen. 

No, non sto inneggiando a fare lo struzzo nascondendo la testa nella sabbia. Questa è un’altra cosa. Si tratta soltanto di razionalizzare la situazione e ottimizzare l’energia. 

In questo momento sto lottando contro un mio mostro, tiratomi fuori a forza dalle viscere da una persona. Cioè, non posso neppure scriverlo. Non ci posso credere di esserci cascata. Non riesco a capire perché sto dedicandoci energia e perché mi sento succhiare via la gioia da questa persona. Si tratta di un Essere Umano miserevole. Sul serio. Una persona che usa mezzi disonesti per raggiungere i propri obiettivi, passando sopra agli altri, è davvero miserevole. Ovvio che si andrà a schiantare da sola da qualche parte, farà tutto lei, non ci sarà bisogno di aiutarla. Andrà incontro a quel che si merita: il deserto. Ok, lo so, va bene, facciamo fare alla Giustizia il lavoro che è solo suo. Ottimo.

Il problema, però, non è la persona che mi sta causando l’ira funesta, il problema sono io che mi faccio prendere dall’ira funesta – santiddddio! Il problema è il potere che sto dando a questa persona, un potere che mi toglie la serenità. Allora mi chiedo: che mostro mi stai facendo uscire da ogni poro? Come lo devo battezzare? Se-mi-tagli-la-strada-ti-spacco-le-ossa? Passami-sopra-un’-altra-volta-e-ti-defenestro? Stammi-lontano-o-non-rispondo-più-di-me? 

Perché una volta che nomini il mostro, il mostro perde forza. Si umanizza. Un dato di fatto, succede così e basta. Quindi si tratta solo di trovare il nome giusto.

Ci vuole strategia e buonsenso, quindi: bisogna ribaltare la questione, cambiare punto di vista, stravolgere la dinamica. E la cosa peggiore è che o lo faccio io o non lo farà nessuno. La miseria umana rimane miseria umana, da qualsiasi parte la si prenda, quindi da lì non si passa. Bisogna guardare altrove. Dove? Dentro. Me.

Riproviamoci. Mostro io ti battezzo: anche-se-ci-provi-con-tutte-le-tue-forze-non-avrai-la-meglio-vinco-io-perché-il-fair-play-non-è-un’-opzione-è-l’-unica-scelta. 

Ok, nome un po’ lungo, ma esplicativo. E piuttosto esaustivo. Mi piace. 

E, come dice il vecchio Jack Burton in situazioni come queste: “Basta, adesso”.  [cit. “Grosso guaio a Chinatown”]

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(599) Paradosso

Dunque: dopo oltre una quarantina d’anni che mi frequento – la storia d’amore/odio più lunga della mia vita – ancora riesco a sbalordirmi per la quantità imbarazzante di pensieri assurdi che mi passano per la testa.

No, non credo che capiti a tutti e questo potrebbe in qualche modo mettermi in una condizione di dubbio sulla mia santà mentale. Ho bypassato l’ostacolo anni fa quando decisi molto saggiamente che la mia condizione mentale ha il diritto di variare a seconda della stagione, del periodo storico e del mio stato emotivo. Tolto di mezzo ogni giudizio sul mio stato, le cose risultano lo stesso complicate. Come al solito le soluzioni che trovo non sono mai destinate a sollevarmi la vita, tutt’altro.

Ritornando sull’argomento mi trovo in una empasse imbarazzante nei confronti di me stessa perché non riesco a capire se quello che ho capito è realmente qualcosa che dovevo capire esattamente così oppure no. Voglio dire che il mio cervello ha ricevuto delle informazioni – frammentate – che ha sistemato una dopo l’altra e ne sta traendo delle conclusioni. Lecito, ma pericoloso.

Tenendo ora in mano quelle conclusioni mi rendo conto che potrei aver capito male, capito male però perché?

Potrei aver frainteso perché mi piacerebbe che fosse realmente così oppure potrei aver frainteso per deformazione professionale (mi piacciono le storie e me le cerco ovunque anche dove non ci sono). In entrambi i casi non va affatto bene. Eppure mi gira in testa una lista piuttosto lunga di elementi che sommati danno come risultato una cosa del genere:

Un granello di sabbia che cade non fa rumore, quindi nemmeno due, e nemmeno tre, e così via. Quindi nemmeno un mucchio di sabbia che cade fa rumore.

Zenone m’insegna che la logica fa cilecca e non è che la vita non me l’abbia confermato almeno un centinaio di volte, e io pensavo di essermene fatta una ragione. Ma la questione è che ci sono dei dettagli maledettamente convincenti e la realtà è proprio bastarda. Tutto quello che devo fare è: NON FARE NIENTE. Assolutamente e rigorosamente NON FARE NIENTE. Se riesco a NON FARE NIENTE per un lungo periodo, quello che ho capito rivelerà la sua natura (e molto probabilmente la mia malattia).

Ora che ho deciso cosa è meglio per me, devo soltanto ricordarmelo ogni santo giorno del mio presente per non fare l’ennesima cazzata.

Sperom [*dialetto bresciano]

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(96) Impronte

So lasciare buone impronte io. Belle direi. Sono orgogliosa di ognuna di loro, anche di quelle che avevo fatto sulla sabbia e si sono ormai cancellate con i venti del tempo.

Piccole impronte le ho lasciate sul cemento, tipo Wall of Fame, anche se non si trovano in un luogo reale. So solo io dove scovarle, questo me le rende ancora più preziose perché scompariranno con me se non spiffero il mio segreto a qualcuno prima di morire.

Mi piacerebbe lasciare una bella impronta per sempre, ma per quello bisogna esserci nati. C’è un talento lì sotto che non so replicare e, temo, di esserne priva. Ammetto che questo è un mio piccolo rammarico, però, la mia modestissima condizione umana non mi impedisce di lasciare le mie piccole e belle impronte sparse qua e là. Ne vado fiera.

Non dovrei dirlo, ma vado fiera anche di quelle impronte che non sono proprio un ricordo buono in chi le ho lasciate. Ne vado fiera perché c’è voluta buona volontà e determinazione per non tirarsi indietro e lasciarle lì. Che poi la vita è tutta una questione di traduzione dei fatti, va’ a sapere chi ha ragione alla fine.

Stavo parlando di impronte: quelle del 2016 non erano affatto scontate. Ora che me le posso guardare tutte e scegliere quali cancellare da me e quali lasciare lì in bella mostra, rimango un po’ stupita. Accidenti! Il mio darmi da fare come una formichina instericamente stakanovista lascia tracce impressionanti.

Chi l’avrebbe mai detto. Chi? Io.

Mica mi do tanto da fare per niente, almeno un’impronta la lascio! Poi mi siedo lì a guardarle aspettando il vento. Quello arriva sempre, ma io ho fotografato tutto e l’ho messo al sicuro. Sia quel che sia.

Bye bye 2016!

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF