(964) Stiletto

Ci sono parole che pungono, altre che accarezzano. Ci sono modi, toni, che scuotono, altri che rassicurano. Ci sono voci che assaltano, altre che accompagnano. Dipende dalle intenzioni, dal sentimento che traghettano, dalla persona da cui scaturiscono.

Certe parole in bocca a un estraneo neppure le senti. Se escono da chi ami è tutta un’altra storia. 

Quando sappiamo che colpire il quel punto provocherà dolore e decidiamo di colpire comunque, siamo imperdonabili. Sarebbe obbligatorio scusarci, spesso non ne abbiamo il coraggio. Ci vuole una bella tempra per chiedere scusa e sentire davvero la vergogna di aver ferito qualcuno volontariamente. 

Quanto riusciamo a perdonarci soltanto perché abbiamo imparato l’arte dell’autogiustificazione? Non ci giudichiamo mai crudeli, siamo sempre stati portati a dare quella fatale stilettata per un motivo o per l’altro. Inevitabilmente abbiamo dovuto reagire così. Inevitabilmente è andato a buon fine il colpo che abbiamo tirato. Doveva andare così. 

Ti ho fatto male? Pazienza, la prossima volta evita di portarmi fin lì. Fermati prima.

Ci deresponsabilizziamo volentieri. E andiamo avanti. I danni che ci lasciamo alle spalle non ci riguardano: brandelli di fiducia e risentimenti sparsi ci sembrano poco importanti.

Finché un giorno toccherà a noi raccoglierli e non sarà un bel giorno. Ma pazienza, bastava fermarsi un po’ prima e non l’abbiamo fatto.

Pazienza.

Share
   Invia l'articolo in formato PDF   

(633) Senso

Certe cose che faccio sembrano senza senso. Agli altri, intendo, non a me (se così non fosse avrei un grosso problema). Non è facile perseverare facendo finta di niente perché il consenso degli altri è un bisogno insito nell’animo umano – chissà perché. Eppure vado avanti.

Questa mia determinazione è considerata presunzione, e anche questo è un dettaglio che mi comporta un certo smarrimento, specialmente quando sono stanca. Ultimamente sono molto stanca, ciò significa che lo smarrimento è cosa di tutti i giorni. Quindi sto imparando a gestirmelo.

Ho notato che per poterlo maneggiare come si deve devo staccarmi da tutto, focalizzarmi sulla meta da raggiungere e valutare soltanto dopo – una volta raggiunta – se sono stata insensata o meno. La chiamerei disciplina, perché non è per nulla istintiva, devo proprio impormi un certo tipo di pensiero e un certo tipo di atteggiamento mentale per poter avanzare. Lentamente, magari, faticosamente, di sicuro, ma comunque avanti.

Questi miei pensieri quotidiani stanno continuando da ben 633 giorni, significa da quasi 2 anni. Giorno dopo giorno, pensiero dopo pensiero. Senza saltarne uno, aggiungerei. Sembra senza senso, vero? Eppure il senso c’è. Non credo sia una buona idea spiegarlo ora, ma forse far presente che la scrittura è disciplina e che è, soprattutto, introspezione crudele può essere un buon punto di partenza per far capire a chi transita in questo diario virtuale che non si parte mai da una storia, si parte sempre dalla propria storia. Chi siamo, da dove veniamo, cosa pensiamo, cosa vogliamo, dove vogliamo andare. Quando creiamo una storia partiamo sempre dalla nostra storia, ma chi scrive davvero non fa della propria biografia letteratura, bensì trasforma la sua visione per farne un’opera d’arte.

Mi è difficile, ora, dare altre spiegazioni, ma so che il senso che accompagna tutto questo mi porterà alla meta: tre anni di giorni così, raccontati a nessuno/tutti in un blog che non reclamizzo e che al massimo avrà una manciata di lettori silenti. Non mi serve altro se non la mia determinazione, al di là di ogni risultato possibile, perché non inseguo un risultato, percorro la mia strada. Questa è la mia storia, non un romanzo, e per chi mi pensasse presuntuosa… bé, non m’importa nulla.

Share
   Invia l'articolo in formato PDF   

(358) Q.I.

Non ho mai fatto il test per paura. Scoprirmi Essere Microcefalo mi disturberebbe. Andrebbe a falciare quei pochi grammi di fiducia in me stessa che nei decenni sono riuscita ad accumulare.

Mi rendo conto che per certi versi il calcolo del quoziente intellettivo può rivelarsi utile, resto comunque perplessa sulle modalità di valutazione. Considerando che l’intelligenza è suddivisa in settori, bisognerebbe avere più Q.I. per una analisi accurata. Non lo farò il test, quindi il problema non sussiste.

Mi dispiace pensare, però, che a causa di un test qualcuno rischia di vedersi precludere strade interessanti, per studi o professioni, e di trovarsi obbligato a mortificanti aggiustamenti di ambizioni o sogni che potrebbero rovinarci la vita.

Capisco tutto, capisco anche che non ci fa bene illuderci di essere a 100 quando arriviamo a malapena a 25, ma credo che la vita te lo faccia capire prima o poi e che non servano precise misurazioni dei propri limiti per darsi una regolata.

Non lo so, lo trovo addirittura crudele.

Abbasso il Q.I.!!!

 

Share
   Invia l'articolo in formato PDF   

(230) Nutrimento

Riuscire a bastare a noi stessi è una bella sfida. Il nutrimento che possiamo ricevere da un altro Essere Umano/Essere Vivente può dissolversi in un istante. Anche senza ragione, anche senza colpe o responsabilità. Succede. E quello che fino a un minuto prima ti ha nutrito ora ti lascia il vuoto.

Il vuoto non è che sta lì in silenzio e si fa i fatti suoi, no. Il vuoto inizia a divorarti e lo fa a suo piacimento. Può durare molto a lungo, tu non lo puoi sapere quando si fermerà, quando sarà finalmente sazio. Non solo ti manca il nutrimento, ti manca la tranquillità per correre ai ripari, per iniziare a guarire. Crudele.

Allora decidi che devi imparare a bastare a te stesso, per evitare che succeda ancora e ancora e ancora. Un loop maledetto, inarrestabile. Maledetto. Maledetto. Maledetto.

Ci ho pensato molto negli anni, nei miei alti e bassi, nei miei pieni e nei miei vuoti, e mi sono chiesta cos’è che mi manca per riuscire a ottenere quell’equilibrio che mi permetterebbe di bastare a me stessa. Cosa?

Non lo so. Proprio non lo so.

Share
   Invia l'articolo in formato PDF   

(213) Palloncini

Sospesi tra qui e lassù. Un palloncino non vola troppo alto, scoppia se lo fa. Eppure può percorrere molti pezzi di cielo se piglia il giusto vento, quello gentile. E chi non ha bisogno di un po’ di vento gentile, di tanto in tanto? Eh.

Il cordoncino del palloncino che siamo è chiaramente ancorato a terra, nonostante tutti gli sforzi che possiamo fare per liberarci e le imprecazioni che ci possiamo inventare per lamentarci del fatto. E il nostro essere sospinti di qua e di là dal vento è più che altro movimento, non uno spostamento davvero reale.

Il vento gentile ci fa ondeggiare, il vento crudele ci fa sbattere a destra e a sinistra, gli uni contro gli altri. Il vento ci fa. Il vento è l’energia che produce in noi azione. Solo che agiamo costretti, subiamo la sua forza e di conseguenza ci muoviamo. Non abbiamo ancora capito che se accogliamo il suo invito, tutto diventa più facile e anche divertente.

Non capisco il perché, ma noi tutti pensiamo che non ci sia alleato bensì nemico. Se il vento ci scuote è per farci scrollare di dosso l’apatia. Non è un bel vivere se ti lasci scorrere sopra il vento senza dargli credito. Eppure continuiamo a combatterlo, come se potessimo vincerlo. Non c’è lotta, però. Non c’è.

Siamo scemi, ecco.

Share
   Invia l'articolo in formato PDF