(516) Ukulele

Ho sempre pensato che avrei dovuto imparare a suonare l’ukulele, per diversi motivi e nessuno di questi trascurabile.

Il primo è che sembra più facile di una chitarra e iniziare con lui poteva darmi fiducia per passare alla Stratocaster (tanto per dirne una).

Il secondo è che appena ne sento vibrare uno mi viene in mente (uno dopo l’altro): Elvis Presley in “Blue Hawaii”, la prima moglie di Marlon Brando (Tarita Teriipia) che quand’ero piccola mi sembrava splendida e molto Hawaiiana anche se non lo è (è di Bora Bora) e volevo assomigliarle – tanto che la mia Barbie preferita, quella che non lasciavo toccare a nessuno, e proprio per questo ha fatto una brutta fine (la ferita brucia ancora) era proprio la mia Barbie Hawaiana (capelli castano scuro, occhi grandi marroni dorati, le labbra color pesca e la pelle abbronzata) – e infine il grande e pacioccoso con voce d’angelo  Israel “IZ” Kamakawiwoʻole che canta “Somewhere over the rainbow”. 

Il terzo motivo è che sono convinta che suonare l’ukulele alleggerisca la fatica e scoraggi la forza di gravità dallo schiacciarti come fossi un moscerino. Quel vibrato – bello e ripetitivo – è come una serie di pacchette sul coppino che ricevi per risvegliarti un po’ dal torpore. Non lo so, mi fa questo effetto.

L’ultimo motivo per cui mi piacerebbe suonare l’ukulele è per dare il tormento a tutti, ma in modo piacevole. Sì, arrivare proprio al limite dello schiaffone ma evitarlo per un soffio grazie al… all’ukulele, ovviamente!

Ci sono strumenti più nobili, è vero, ma nessuno è più gioioso (anche quando lo usi per un lamento). Forse perché porta con sé il Paradiso delle sue terre (quella portoghese e quella Hawaiiana, ovviamente), forse perché è stato pensato per dare sollievo a chi lo suona e a chi lo ascolta, forse perché è solo tutto nella mia testa… va a capirlo… comunque ho deciso: nella prossima vita rinasco Hawaiiana per suonare l’ukulele.

 

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

(433) Elucubrare

E passano i giorni e io lì sempre presa in rimurgini e smacchinamenti babsiani che mi perdono per strada mille volte tanto da rendere il mio Iperuranio un posto ostile e minaccioso. Ancora giorni che passano e il ponderare e riflettere (che sono sinonimi, ma non nelle sfumature) e sistemarmi in ipotetici nuovi Iperurani soltanto per ammettere che non ci starei neppure troppo comoda e quindi è meglio stare dove sto. E ancora giorni (perché i giorni – se sei fortunato – non finiscono troppo in fretta) dove il pensiero diventa nenia e ti rende disgustoso anche il solo fatto che stai ancora impelagata nel fondale melmoso di quella palude che non sai neppure come ci sei finita lì dentro, ma ne cominci ad avere abbastanza perché manca l’aria. Eppure ci sono ancora giorni, e giorni, e giorni…

giorni…

giorni…

e poi ti stanchi. Decidi che ti dai una ripulita, spazzoli di qua e di là quell’Iperuranio che tutto sommato non è poi così malvagio e le cose cambiano. Vedi proprio che le cose cambiano. Non te lo stai immaginando, le cose cambiano sotto i tuoi occhi e non sei più abituata a quel movimento, ti gira la testa, hai la nausea, hai quasi voglia della palude – maledetta – ma sei troppo stanca per riprendere gli smacchinamenti tormentosi e ti guardi mentre implori una tregua.

Ti fermi a fare le coccole alla tua gattina che se ne frega dei dettagli perché sono comunque dettagli che non la riguardano e la osservi ammirata. Perché non ti assomiglio un po’ di più, Mei? Insegnami a non entrare nella palude se non per acchiappare una preda e scappare agile e soddisfatta. Dai.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

(244) Quadro

Avere il quadro della situazione non è cosa ovvia né immediata. Mi ci vuole tempo. Anche troppo, spesso. Probabilmente non sono così arguta come dovrei, oppure sono troppo pedante riguardo i dettagli e mi ci perdo.

Dipingere un quadro non è cosa da un giorno, i quadri migliori sono il risultato di ore e ore di lavoro-energia-tormentonellaricerca. Faccio così anch’io quando una situazione ha bisogno di essere analizzata per farsi capire: ore e ore di energia-tormento-lavoro. Ne vale la pena.

Appena il quadro si può dire completato lo si fa asciugare. Si sceglie una cornice e lo si appende a una parete: eccola lì la situazione, decidi tu se tenerla o buttarla. Io non butto via, metto da parte.

Devo trovare il modo di alleggerire le mie pareti. La confusione non mi aiuta a pensare.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

(219) Ozio

Ci ho provato, non ci riesco. Anche quando non sto facendo niente sto facendo un sacco di cose – tutte nella mia testa eppure concretissime. Sempre stata così, fin da piccola, nessuno mi ha mai sentito lamentare riguardo al non sapere cosa fare del mio tempo.

Il saper oziare credo sia un’arte. Voglio dire che se lo sai fare bene arrivi all’essenza della vita. Quello che l’uomo primitivo provava tra un pasto e l’altro, immagino. Ecco, provo invidia.

Dopo tre minuti che non sto facendo niente mi sale un tormento che non so neppure descrivere. Come se quel tempo fosse uno sputare in faccia al tempo che mi mancherà il giorno dopo. No, non so neppure come spiegarlo, è un sentimento orribile.

L’ozio è il padre dei vizi, io mi sento orfana.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF