(795) Offrire

In linea di massima un Essere Umano qualsiasi ha una consistente quantità di cose da offrire. Attenzione, cura, ascolto, pazienza, comprensione, affetto, amore – tanto per dirne alcune, oltre a tutta la lista delle faccende materiali, ovviamente. 

Offrire significa avere l’intenzione di dare qualcosa a qualcuno senza voler nulla in cambio: tu offri e basta. Non ci metti il carico di un ritorno, un’aspettativa. Non c’è calcolo, c’è solo l’offerta. E l’offerta non è vincolante, può anche essere rifiutata. Il “Preferisco di no” (cit. Bartleby). ci sta, è parte del gioco.

Se offri qualcosa che per te ha molto valore, valore che il ricevente scelto non riconosce, puoi ricevere un rifiuto. Accettare un’offerta significa saper “godersi” il dono senza ritorni fastidiosi – del tipo adesso-come-posso-ricambiare perché se è davvero un’offerta non è contemplato un “ricambiare”. Non immediato almeno, non obbligato di certo.

Quando offri qualcosa è buona regola farlo con i dovuti modi. Non la sbatti addosso al tuo interlocutore, gliela porgi. Porgere è un verbo bellissimo, include una certa grazia, una naturale gentilezza. Ecco, un’offerta si porge. E se la presenti bene acquista ancora più valore.

Tutto questo discorso per dire che stasera al Der Mast abbiamo offerto al pubblico presente (oltre un centinaio di persone di buona volontà) uno spettacolo che per quasi due anni abbiamo curato con tutto l’amore che avevamo  in corpo e tutto questo è arrivato a chiunque in sala. Proprio a tutti. Hanno accettato di entrare nel mondo della Vecchiaccia (opera di Stefano Benni) e di lasciarsi trasportare dai suoi ricordi, dalle sue gioie e dai suoi dolori. Hanno ridacchiato, hanno ascoltato, hanno sospeso un po’ il respiro quando la tensione si faceva pesante. 

Niente di più bello di un’offerta che viene accolta e apprezzata. Niente di più bello che poter offrire una cosa con tutto il cuore e vedere che chi la riceve ha voglia di darti il suo grazie perché quella cosa lì non se la dimenticherà più.

Perfetto.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(484) Gomito

Una curva a gomito è pericolosa, sempre. Viene segnalata, di solito, e far finta di non aver notato la segnaletica non è cosa intelligente – l’ho imparato appena presa la patente, un secolo fa.

Alzare il gomito può essere divertente, se reggi l’alcool in modo decoroso, altrimenti attenta che la gente che ti sta attorno non abbia stramaledette macchine fotografiche pronte a immortalare quel che fai da sbronza. Ora è ancora più pericoloso perché ci sono gli smartphones e grazie al cielo ho imparato la lezione verso i venticinque anni e non me la sono più dimenticata.

Il gomito del tennista è un fastidio di cui sono stata vittima alcune volte e non perché io sia una tennista. Questo significa che questa infiammazione ai tendini ha un nome fuorviante e che non guarda in faccia nessuno. E non voglio parlare della borsite del gomito perché andiamo troppo sul medico.

Lavorare gomito a gomito con qualcuno è la quotidianità per me, non mi dispiace, anche se ho imparato che conviene scegliersi bene i colleghi con cui sei obbligata a lavorare a stretto contatto. Al momento sono fortunata.

Confesso, però, che non ho mai dato alcuna importanza ai miei gomiti. Voglio dire, avrei dovuto, loro di tanto in tanto si sono palesati con dolori piuttosto invadenti, ma non ho mai voluto dargli la dignità che hanno. In fin dei conti tengono attaccate le mie braccia e, voglio dire, chi altro lo farebbe?

Da un paio d’ore mi sto concentrando su una cartina dettagliata del corpo umano e sto tenendo conto di tutte le parti del mio corpo di cui ho sempre ignorato l’importanza. Mi sento in colpa, e a ragion veduta, mi sembra incredibile che io sia a conoscenza di avere un corpo. Ma come sono messa?

Va bene, prendiamo questo come l’anno 0. Da qui non può che andare meglio.

 

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF