Barbara Favaro

Barbara Favaro

Se vuoi trovare la tua voce in mezzo a tutte le altre: siediti e scrivi.

(…) Come acqua che non può esser trattenuta dalle dita di una mano, gli scacchi si sottraggono a ogni tentativo di definizione precisa ed esauriente di ciò che rappresentano, ossia delle loro “leggi” e dei loro sottili ma stretti legami con altre esperienze e dimensioni dell’esistenza umana. (…)   – La logica degli scacchi, Sergio […]

Leggi tutto

Se vi chiedessi di canticchiarmi il jingle di Beretta-cu-bi-cu, adesso, mi odiereste per tutto il giorno. Quel ritornello è opera del Diavolo. Ti prende i neuroni e te li disintegra, non rimane nient’altro se non quella manciata di note maledette che ti accompagnerà ovunque senza tregua per giorni, per settimane, per mesi. Chiunque sia stato […]

Leggi tutto

Negli ultimi dodici mesi, partendo dal primo lockdown causato dalla pandemia, siamo stati devastati (mentalmente parlando) da una comunicazione scellerata. Giornalisti in preda al panico, governanti in preda al panico, scienziati in preda al panico: tutti pronti nel comunicare alla popolazione il proprio panico mascherato da tesi e da azzardi logici. Perfetto. Abbiamo dato l’addio […]

Leggi tutto

L’ho detto (nel titolo) in inglese perché in italiano diventava lunghissimo, ma il concetto non cambia: non ci sono più parole. Per quanto io creda – fortemente – nel potere delle parole, con l’età avanzata ho iniziato a dubitare che fossero abbastanza. Abbastanza per comprendere, per processare, per farsene una ragione, per digerire la realtà […]

Leggi tutto

Un Natale così non s’era mai visto prima. Un Natale così non lo potevamo neppure immaginare. Un Natale così è fatto per il silenzio raccolto e per i pensieri luminosi senza bisogno d’altro. Un Natale così è da vivere senza far troppo rumore. Buon Natale. (Barbara)   [ho scelto questo commercial tra tutti perché è […]

Leggi tutto

Non scrivo da un po’. Non avevo granché da dire. Non vengo pagata per dire la mia, quindi non sono tenuta a condividere ogni cosa mi passi per la testa e spacciarla per genialata del giorno. Mi ritengo libera in questo senso. Questa nuda realtà, a guardarla, ha due facce: quella del non-sono-così-importante-per-il-mondo-purtroppo e quella […]

Leggi tutto

Da settimane non riuscivo più a scrivere. Davo la colpa al lavoro forsennato, alle mille cose da fare, alle mille cose a cui star dietro, alle decisioni da prendere che non si possono più rimandare (o che non voglio più rimandare). Tutto insieme, come sempre. E poi in queste settimane c’è il mondo che cambia, […]

Leggi tutto

Non mi fa impazzire la campagna di Netflix “Ci separa soltanto una storia”, la trovo banale. Forse soltanto perché lo storytelling è il mio quotidiano e avrei scavato un po’ più a fondo per creare una reale partecipazione emotiva. Sono di parte, probabilmente. Il concetto mi piace, invece, penso che sia capace di arrivare al […]

Leggi tutto

Questo monologo è magnifico. Tradurlo in italiano ne dimezza la potenza, ma in Facebook esiste una versione più breve con i sottotitoli (questa qui), se vi perdete in qualche passaggio vi consiglio di andarla a guardare là. Hannah Gadsby – lo voglio proprio sottolineare – è una forza. La sua autoironia supera ogni confine cognitivo. […]

Leggi tutto