Barbara Favaro

Barbara Favaro

Se vuoi trovare la tua voce in mezzo a tutte le altre: siediti e scrivi.

Da settimane non riuscivo più a scrivere. Davo la colpa al lavoro forsennato, alle mille cose da fare, alle mille cose a cui star dietro, alle decisioni da prendere che non si possono più rimandare (o che non voglio più rimandare). Tutto insieme, come sempre. E poi in queste settimane c’è il mondo che cambia, […]

Leggi tutto

Non mi fa impazzire la campagna di Netflix “Ci separa soltanto una storia”, la trovo banale. Forse soltanto perché lo storytelling è il mio quotidiano e avrei scavato un po’ più a fondo per creare una reale partecipazione emotiva. Sono di parte, probabilmente. Il concetto mi piace, invece, penso che sia capace di arrivare al […]

Leggi tutto

Questo monologo è magnifico. Tradurlo in italiano ne dimezza la potenza, ma in Facebook esiste una versione più breve con i sottotitoli (questa qui), se vi perdete in qualche passaggio vi consiglio di andarla a guardare là. Hannah Gadsby – lo voglio proprio sottolineare – è una forza. La sua autoironia supera ogni confine cognitivo. […]

Leggi tutto

La comunicazione attraversa i sensi, li provoca e poi ne riceve gli effetti. Ogni dettaglio del nostro comunicare produce effetti, più o meno evidenti. Gli effetti prodotti, però, si moltiplicano in modo esponenziale perché ogni individuo toccato avrà una reazione sua, forse simile ma mai totalmente uguale a un altro individuo (fosse anche della stessa […]

Leggi tutto

Dopo aver guardato e ascoltato con attenzione gli speech della Convention dei Democratici, per l’elezione del prossimo Presidente degli Stati Uniti, li ho voluti far riposare dentro di me. Mentre si depositavano ho ripensato a certi passaggi del saggio “Storytelling – la fabbrica delle storie” di Christian Salmon e ho dovuto riprenderlo in mano per […]

Leggi tutto

Silenzio. Ricominciare a scrivere qui partendo dal silenzio mi è sembrata una buona idea. Ho iniziato a guardarmi intorno in cerca di lui, ma dopo averlo conosciuto durante il lockdown (e dannazione non ho mai pensato di registrarlo per tenerne traccia!) ho fatto fatica a riconoscerlo. Allora ho pensato di affidarmi a chi lo ha […]

Leggi tutto