(712) Apparecchiare

Spendo molta della mia energia nella preparazione. Credo sia la parte migliore, il momento in cui le idee possono splendere. Immagini che ogni dettaglio sia perfetto, che ogni cosa sia al posto giusto, che tutto-proprio-tutto vada come vuoi tu. Per me è il momento in cui posso curare le mie idee affinché siano accoglienti e creino benessere per chi ne usufruirà.

A ben pensarci non ho fatto altro che apparecchiare il mio presente per tutta la vita, e non è poco. Davvero non è poco.

Mi sembra addirittura di non saper fare altro, e questo è di certo un limite. Faccio fatica a smettere, non riesco a stare con la testa ferma e godermi quanto ho fatto, sono sempre spinta oltre, devo sempre pensarne una nuova e arrovellarmi per riuscire a rendere il pensiero concreto, reale. Stachanov mi fa un baffo. Su tutta la linea. Non so se esserne orgogliosa o dolermene, sinceramente non lo so.

Tanto per cambiare sto apparecchiando un’altra tavola, e già non mi do tregua: immagino, strutturo, schematizzo, distribuisco il fare… Sì, una macchina da guerra. Non è per la guerra che mi sto preparando, però, questo spero farà la differenza. Fidarsi delle persone – alla mia età – non è facile, ti domandi sempre come e dove stavolta ti colpiranno, ma alla fin fine ci vuole una bella tenuta di nervi a stare perennemente sul chi-va-là. I miei nervi già sono oberati per tutto quello che devono affrontare, non posso trascinarli anche nel girone infernale dei cinici ad oltranza. Eh!

La vita, dopotutto, è un atto di fede. Se ci sei e non ci credi che resti qui a fare?

 

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(391) Esplorare

Mettersi lì per scoprire tutto quello che puoi scoprire su qualcosa che non conosci è un viaggio che ripaga bene, sempre. Amo il mio lavoro perché mi permette di farlo non soltanto nel mio tempo libero (termine a me quanto mai sconosciuto), ma in ogni istante della giornata. Sì, diventa piuttosto faticoso, eppure tutto viene ripagato da quello che scopri.

La maggior parte delle cose di cui vengo a conoscenza non le userò mai. Una piccola parte le userò per produrre quello che devo – e che mi ha dato la motivazione per approfondire tale argomento. Quello che resta rimarrà impigliato chissà dove dentro di me e al momento giusto uscirà per rendersi utile.

Non è una scelta consapevole, è qualcosa che scoprirò mentre si avvererà. Un livello superiore dell’esplorazione, suppongo, affascinante per valutare il funzionamento del mio strambo cerebro.

L’accidia è il mio personale spauracchio, quello più potente, ed è lui a spingermi per non fermarmi mai. Quando me ne andrò da questa dimensione, se dovrò per forza far compagnia all’Oscuro Signore degli Inferi allora dovrà andare per esclusione. Il primo girone che scarterà sarà quello degli accidiosi, poco ma sicuro, per i restanti, suppongo, si dovrà un po’ mercanteggiare. Nel frattempo vedrò di sistemare ciò che posso esplorando qua e là, con l’età ricorderò sempre meno – e questo non è per per forza di cose un male – eppure avrò impiegato bene il tempo terreno a mia disposizione.

Dimenticavo: l’altro spauracchio è la noia. Amen.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF