(467) Menomale

Tutto attaccato, sì, non è un errore, è un modo d’essere. Menomale è quell’espressione di sollievo che scaturisce da un fatto spiacevole. Non lo dici per le cose belle che ti accadono, ma per la cosa che salva il brutto per un pelo. Ti viene proprio dal cuore, è naturale, è liberatorio, è consolatorio.

Menomale funziona quasi come il “perfortuna”, solo che è più onesto, non è frutto di un calcolo d’interesse, è proprio il pesetto che metti sul bilancino che rimette leggermente in pari le cose.

Menomale che ho fatto in tempo a rincasare prima che la casa mi andasse totalmente a fuoco. Capito? La casa comunque è andata un po’ a fuoco, ma non totalmente. Il male c’è ma è meno, ovvero: menomale.

Ora, per chi non bazzica troppo volentieri le parole è una cosa da nulla, ma con l’andare del tempo il mio menomale-pensiero si è andato fortificando e ha svolto un ruolo fondamentale nella gestione della mia sopravvivenza. Il segreto sta nell’individuare lo scenario peggiore per quella data situazione è portarlo come confronto ultimo: menomale che cadendo dalla bici, a velocità piena, in discesa sui tornanti, ho sterzato a destra anziché sinistra perché altrimenti volavo giù dal dirupo!

Hai il naso sfasciato, un braccio rotto, la bici è diventata un cumulo di briciole d’acciaio, ma… non ti sei sfracellato precipitando là sotto. Fortuna? Ehmmmm, no. Perché se avessi avuto veramente fortuna non ti saresti rotto il braccio e sfasciato la faccia, saresti finito sull’erba e non sul muretto, la fortuna è sfacciata, mica gioca di fino. No, il menomale denota una prontezza di riflessi, una presenza, un’agilità che nessun’altro se non tu stesso avresti potuto avere in quel maledetto frangente. I tuoi nervi saldi, la tua esperienza, tu: questo è il menomale.

Il menomale toglie potere alla fortuna, così come alla sfortuna, per riporlo nelle nostre mani e renderlo valore aggiunto del kit di sopravvivenza di cui la vita ci impone l’acquisto. Ci fa prendere in carico il fatto che anche nella sfiga più nera, se guardi meglio la situazione, trovi un angolo dove un menomale ti aspetta. Non devi far altro che prenderlo velocemente e farne uso.

Menomale che l’ho scritto, avrei anche potuto dimenticarlo e mi sarei fatta un torto perché questo è uno di quei consigli che mi darei quando sbattere la testa al muro sembra l’unica soluzione.

Un menomale non è per sempre, ma solleva sempre, proprio sempre. E menomale!

 

 

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(277) Effetto

Dimmi, che effetto ti fa? Me lo sto domandando da qualche giorno, perché non sono abituata a una situazione come questa. Quindi mi chiedo: che effetto ti fa? L’hai sognato e ora è qui, è quello che avevi immaginato?

Sorprendentemente, la risposta è: sì.

Esattamente così, è proprio questo che voglio per me nei prossimi trent’anni. Così mi voglio sentire, così voglio che sia la mia strada e sempre meglio, sempre meglio, sempre meglio. E non nascondo che il lavoro fatto negli ultimi vent’anni sia stato forsennato e disperato, che avevo paura fosse inutile, che pensavo a un certo punto di essere una povera deficiente e che…

L’effetto che mi fa ora è quello di un’enorme magnifica consapevolezza di senso. Non si tratta di urlare Eureka! o di adagiarsi sugli allori, no. Si tratta di fare sempre meglio, sempre meglio, sempre meglio. Ambizione sfrenata? Forse. Ma, lo ammetto, la curiosità vince su tutto: chissà come sarà quando sarà meglio di così!

Testa bassa e di nuovo al lavoro.

Share
it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(192) Re

Non è che il titolo di Re lo si dà a tutti, così perché fa figo. Non funziona. Nessuno dovrebbe portarsi addosso un carico del genere senza esserselo almeno guadagnato e aver dimostrato di essere il migliore. In qualcosa, non in tutto, ma il migliore. Punto e basta.

Non è un titolo che si passa alla progenie, succede da sempre ma non è così che deve essere. Stiamo sbagliando.

Non è un vezzo per chi fa della vanità una virtù da sbattere in faccia agli altri. Un Re sa essere umile senza abbassare lo sguardo, sa essere sicuro di sé e determinato senza prevaricare sugli altri, sa essere saggio e lungimirante per guidare chi manca di visioni e di buonsenso. Un Re sa essere perché è. Sarebbe lo stesso anche senza titolo, senza corona, senza reame.

Un Re è un Uomo che può prendersi l’onere di esserlo perché consapevolezza e coraggio lo sorreggono anche quando le gambe gli cedono.

Una Regina? Lei molto di più. Ma davvero molto di più. Senza che nessuno lo sappia, senza che qualcuno glielo riconosca, senza bisogno di mostrarlo a tutti. E sempre. Instancabilmente sempre.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

(39) Legami

Quelli che preferisco sono più connessioni che obblighi. Sono le connessioni che mi tengono legata per sempre a qualcuno, non gli obblighi. E se il per sempre a qualcuno fa venire l’orticaria, a me no. Non ha niente a che vedere con il materiale, è proprio un fatto di connessione energetica che anche quando non si esplica più nel materiale può continuare per sempre a esistere.

Spiritualmente parlando i legami ci tengono insieme, ci tengono stretti per non farci sciogliere, per non farci volare via senza lasciare traccia.

Non è che lasciare una traccia sia fondamentale, ma fa piacere. Almeno a me fa piacere riuscire a lasciare una traccia nelle persone che incontro, specialmente se queste persone mi piacciono.

Non mi illudo, i legami che io ho sentito come importanti non lo sono stati altrettanto per l’altra parte, ma non importa. Le tracce vengono spazzate via dalla vita se non vengono protette.

Ho capito, però, che i legami mi fanno restare qui. E qui è un bel posto in cui stare, nonostante tutto.

b__

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF