(614) Affanno

Non lo so, non so perché non riesco a rallentare o se ci riesco mi passa la voglia dopo dieci secondi netti. Pensare è un boomerang, bisognerebbe evitarlo. Dico sul serio. Solo che se sei predisposto al pensiero, non puoi mica smettere di praticarlo soltanto perché hai scoperto che non ti conviene. Diventa una croce che ti porti appresso per l’Eternità.

Ora che mi sono sfogata vediamo se riesco a tirare fuori qualcosa di sensato da questo argomento: non era previsto, m’è uscito così e senza valutare bene la portata della cosa ho deciso di scriverci sopra. Senza pensarci, tanto per intenderci. E già qui la contraddizione. Lo so.

Riportando il discorso sul topic del titolo, posso ammettere serenamente che ce l’ho da sempre. Ho sempre l’affanno. Rincorro sempre qualcosa, non qualcuno, o perlomeno quel qualcuno alla fin fine sono sempre io. Io che rincorro me stessa mentre mi obbligo a fare delle cose che se non le facessi avrei troppo tempo libero e inizierei a pensare pensare pensare – che non mi fa bene affatto.

I miei pensieri istintivi sono distruttivi. Quando mi impongo pensieri costruttivi è per uno scopo: compiere qualcosa. Mi viene facile:

           idea => progetto => realizzazione => nuova idea => nuovo progetto  => nuova realizzazione e via di questo passo.

Ormai lo so come si fa e lo faccio, semplice. Se, invece, decido di prendermi un weekend per riposarmi – e quindi non pensare in modo costruttivo – ecco che vengo presa d’assalto dai pensieri distruttivi. Che non sono soltanto distruttivi, sono proprio D-I-S-T-R-U-T-T-I-V-I. Rafforzando la grafia spero di aver reso l’idea.

Lo so, ce li hanno tutti e bla-bla-bla-bla, ma non è che questo mi sollevi dal marasma o che mi crogioli nel mal-comune-mezzo-gaudio!

Se questi Carterpillar trovano spazio, in poche ore sono ridotta a uno straccio. Inzio a mettere in discussione tutto quello che mi riguarda: da cima a fondo, da dentro a fuori, dall’anno 0 fino a oggi. Non rimane nulla se non macerie. Non lo auguro a nessuno, davvero. Quindi i consigli degli amici – che lo so che mi vogliono bene ma ignorano l’esistenza di questa mia nevrosi – che iniziano con un innocuo rilassati-e-non-pensare-a-niente, mi provocano una sorte di affanno che non so neppure descrivere.

Va bene, credo di aver capito, se la soluzione è tenermi impegnata, non devo far altro che mettere in atto la strategia e mantenermi impegnata.

“Ok, Houston, forse possiamo tenere sotto controllo il problema. Passo e chiudo.” 

I’ll sleep when I’m dead (cit. Bon Jovi)

Share
Stampante PDF    Invia l'articolo in formato PDF   

(552) Umorale

La Teoria Umorale di Ippocrate – tra le altre cose – suddivide gli Esseri Umani in: sanguigni, flemmatici, collerici e malinconici. A seconda di come sono ripartiti i quattro umori nel corpo umano così poi risultiamo a livello “umorale”. Anche se le tabelle e le classificazioni non mi fanno impazzire di gioia – le detesto – mi ci sono infognata stasera a causa del mio umore (e non dico altro), portate pazienza.

In pratica: se sei un sanguigno (ovvero hai prevalenza di sangue) sei rubicondo, gioviale, allegro e goloso; se sei flemmatico (ovvero prevalenza di flemma) sei beato, lento, pigro, sereno, talentuoso; se sei collerico (prevalenza di bile gialla) sei magro, asciutto, irascibile, permaloso, furbo, generoso e superbo; se sei malinconico (prevalenza di bile nera) sei magro, debole, pallido, avaro, triste, ipocondriaco. Allora, dando per scontato che essere beato e magro, allegro e generoso, sereno e talentuoso, siano tutte belle cose, non vorrei che scoprirsi irascibili, permalosi, pigri, avari, tristi e ipocondriaci fosse la condanna che ci porta dritti dritti al macello.

Ippocrate era un brav’uomo, niente da dire su questo, ma certi giudizi così secchi sulle persone non fanno bene a nessuno. Se guardi in questo modo la gente va a finire che ti fiondi sull’eremo più alto del Nepal e sfanculi tutti in un colpo solo. Mi sembra un tantino estremo come punto di vista, n’evvero Ippocrate?

Certo che la bile ti rende una vipera, certo che il sangue ti shakera l’umore, certo che la flemma ti porta all’inedia, ma considerato che ognuno di noi è costretto ad averci a che fare, io proporrei un atteggiamento costruttivo, che dici?

Non lo so, se il sangue ti va alla testa potresti farti una doccia gelata. Se la bile di annebbia la vista, fatti un giro sulle montagne russe. Se la flemma non ti fa alzare dal letto, fracassati le orecchie con il death metal. Insomma, darsi per vinti è troppo poco per affrontare una condizione che pur sempre è passeggera, no?

Dai, Ippo, so che non stiamo messi bene, ma dacci almeno qualche speranza. Dicci che l’equilibrio non è una chimera, che anche se non diventiamo buddhisti possiamo cavarcela, che certi giorni va meglio e certi va peggio ma che alla fine i buoni vincono. E poi, se proprio non ci hai convinto, allora ci attacchiamo al vino e chiss’è visto s’è visto.

Share
PDF24    Invia l'articolo in formato PDF