(900) News

Ogni tanto ci sono delle novità che mi lasciano perplessa. Novità che mi riguardano e che mi spuntano fuori come fossero belle sorprese. Sono molto sospettosa con le belle sorprese, è giusto che lo dica. Credo che le belle sorprese non siano mai al 100% belle, alcune di queste – nel passato – si sono rivelate essere marce per un buon 80%. Tipo le fragole che ti vendono al supermercato nelle vaschette vedo-non vedo: il 20% di loro è bello e – se sei fortunata – anche buono, il resto lo devi buttare. Ecco così sono le belle sorprese per me.

Tendo, quindi, ad affrontare le sorprese con estrema riluttanza. Le novità hanno su di me  un effetto simile, non proprio uguale, ma simile. Dovrei fare di secondo nome “riluttanza”, ora che ci penso.

Ok, ritorniamo alle novità: ne ho scoperte un paio nelle ultime settimane e come è facile immaginare non mi hanno fatto saltare di gioia. Riluttanza, ovvio. Un giorno magari scriverò un post con questo titolo, mi sembra doveroso a questo punto. Comunque, ho scoperto ‘ste due news che mi riguardano e, in tutta sincerità, avrei preferito evitare.

Non so che farmene di loro, davvero. Voglio dire: bello, certo, tutto molto bello, ma non sono felice, non ho la gioia che mi solleva da terra, sono soltanto preoccupata e in ansia. In poche parole anche queste due belle novità mi si presentano con un abito luccicante, ma nascondono gli orli scuciti.

Ok, lo ammetto: non so da che parte guardarle, non so se riuscirò a maneggiarle, non so dove mi porteranno. Un’ansia che non so neppure spiegare. Avrei preferito scoprirne altre, magari quella dove sono diventata una donna-Zen, o quella dove sono diventata una donna-Zen-miliardaria, o quell’altra dove sono diventata donna-Zen-miliardaria-acapodelmondo. Ecco, queste news spaccherebbero davvero. Soprattutto la mia ansia. O mi prende un infarto o inizio a vivere bene, ma l’ansia sarebbe cosa del passato.

Vabbé, tra le tante enormi idiozie che mi stanno passando per la testa in questo momento, mi sembra opportuno tranquillizzare il mondo intero che posso farne a meno. Davvero, nel caso ti avanzassero delle news – oh, mondo intero – fammi stare fuori, ignorami come non hai fatto mai e dalle in mano ad altri. Ti garantisco che te ne sarò grata e saprò ricambiare al momento opportuno. Tu ignorami. Più forte che puoi.

No news for me.

Thanks.

Share
   Invia l'articolo in formato PDF   

(828) Guinzaglio

Serve a portar in giro il cane. Nel senso che lo porti dove vuoi tu. Lui può impuntarsi e farti bestemmiare in aramaico antico se non vuole muoversi, ma – dato di fatto – sei tu che hai il potere e alla fine vincerai. Lo porterai dove decidi che dovete andare. Non glielo chiedi, glielo imponi. Se lui è docile ti seguirà senza fare storie, altrimenti diventerà un fastidio che sistemerai applicando il tuo ruolo di capobranco.

Stiamo parlando di uomo/donna vs cane. E basta.

Non puoi mettere il guinzaglio a un uomo o a una donna, gli Esseri Umani non vanno portati in giro a fare pipì. Loro si scelgono liberamente dove farla, che ti piaccia o no. Pensare che un uomo/donna possa avere in mano il potere di decidere dove un altro Essere Umano deve andare o stare è aberrante. Se si basano le Leggi su questo principio si evitano idiozie e abusi piuttosto importanti per la salvaguardia della dignità umana. Questo è quello che penso.

Dal macro al micro: mi è capitato più volte di essermi ritrovata al guinzaglio, senza manco accorgermi. Ovviamente ho fatto ben altro che impuntarmi per dare fastidio, ho proprio spezzato la corda a morsi e me ne sono andata dove ho creduto bene di andare. Questo perché non sono un cane, anche se non sono proprio sveglissima e ci sono cascata.

Il punto è che ci si casca. Basta che affidarsi alla guida di qualcuno privo di scrupoli, privo di sensibilità, privo di buonsenso, privo di qualsiasi umana accortezza e track, vieni tirata da una parte o dall’altra da un dannato guinzaglio. Che tu sia uomo o donna, adulto o bambino, intelligente o stupido, non fa alcuna differenza, basta essere in buonafede e il rischio si concretizza. Bisogna stare attenti.

Ho intenzione di reimpostare il gioco, ho intenzione di togliermi il collare (da quanto tempo ce l’ho su, ‘sto maledetto?!) per rendere l’acchiappo più difficile, ho intenzione di non aspettare di vedere dove mi stanno portando prima di dare un morso alla mano sciagurata e andarmene via. Non ho più tempo da perdere, né pazienza da impiegare per i giochi idioti di qualche arrogante giocherellone che si crede furbo, più furbo di me.

Non sono un cane. Sono una gatta. Sia chiaro.

[ma se fossi un piccione saprei benissimo su che testa focalizzarmi]

Share
   Invia l'articolo in formato PDF