(758) Singhiozzo

Le cose che mi fanno incazzare sono tante e sono sempre di più. Non sono mai stata troppo zen, ma ultimamente sto peggiorando. Me ne devo preoccupare? Ecco, forse la cosa più preoccupante è che non credo io me ne debba preoccupare. 

La cosa peggiore è non riuscire a pensare in santa pace. Tutto mi disturba, ma proprio tutto. I rumori, i suoni, le interruzioni, gli accapo. Tutto. Mi riduco a pensare a singhiozzo, con la sensazione di non completarne uno che uno giudicabile minimamente valido.

Nella pratica, nei fatti intendo, non è così veramente, addirittura sto sfornando pensieri a più non posso, addirittura riesco a realizzarli, addirittura riescono pure a piacermi… ma la mia percezione è alterata. Se vogliamo dirla tutta la mia percezione in generale è alterata. Non sento più come prima. Non è più niente come prima. Come prima quando? Non lo so! Prima e basta! [ndr. notare il picco d’isteria che ormai è diventata una mia caratteristica preponderante]

Dovrei preoccuparmi anche di questo, me lo sta suggerendo la coscienza, ma i pensieri vanno altrove, non so dove, ma comunque altrove. Vanno a precorrere i tempi, accelerano in flashforward inquietanti dove i miei punti di riferimento ballano la rumba in modo ridicolo anziché sostenermi.

Mi rendo conto che tra i post più inutili che io abbia finora scritto questo vince di brutto, ma descrivere esattamente questo fastidio che mi mangia in testa è una sfida che ancora non posso vincere. Magari la capirò meglio tra un po’. Magari mi si svelerà l’arcano quando sarò già cambiata e non mi servirà più a niente o magari no. So solo che questa confusione, in questo preciso momento, mi fa incazzare perché non so da che parte prenderla.

Ecco – Hic!

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(479) Nascondere

I pensieri sono nascosti, questo la dice lunga su tutto. Fossero scoperti sarebbe un disastro, sono invece dentro di noi e lì dovrebbero essere al sicuro. Se non fosse per quegli specchi pericolosi che sono i nostri occhi, attraverso loro i pensieri corrono il rischio di essere indovinati. Basta poco, mezza luce riflessa, e dal nascondiglio esce un indizio che ci frega.

Anni fa vivevo convinta di essere un libro aperto. La realtà dei fatti m’ha fatto cambiare idea, sono piuttosto brava a nascondere i miei pensieri. Devo dire che in certe occasioni sono stata fin troppo brava, e non so ancora dire se sia stato un bene o un male. Comunque sia, quando mi girano le palle divento davvero un libro aperto, leggibile da chiunque. Questo, è cosa certa, non è sempre un bene.

Non dare accesso a chiunque alla sostanza dei miei pensieri è l’unico modo per proteggerli. Ho pensieri delicati, si stropicciano facilmente e dopo è un casino ridare loro la giusta piega. Mio dovere è cercare, meglio che posso, di garantirgli il luogo sicuro di cui hanno bisogno – ovvero dentro di me.

Eppure qualcosa, di tanto in tanto, mi sfugge e se non sono gli occhi a tradirmi è un sorriso o una smorfia, nei casi peggiori le mie gambe che mi impongono di andarmene – senza voltarmi indietro. Sono fatta così.

Se in passato ho cercato di gestire questa mia indole contraddittoria con fastidio, ora mi trovo nella condizione di dovermela maneggiare con sapienza. Alzo il livello di difficoltà a +5 per non ritrovarmi nei guai. Le cose non hanno più il sapore di prima, non mostrano più gli stessi colori, non portano in sé odori definiti, devo pertanto riprogrammare i sensi e ricominciare daccapo.

Non dallo stesso Via di anni fa, certo, dal livello +5 e qui le cose le riconosco, ma non per questo significa che siano esattamente le stesse. Devo per forza di cose trovare nuove soluzioni a problemi già affrontati che però portano a dinamiche con effetti leggermente più devastanti.

Suonerà pure melodrammatico – il dramma è una delle mie corde migliori – ma dopo una certa soglia tutto quello che potrebbe scoppiarti in mano diventa devastante. Quindi per iniziare nei migliori dei modi questo nuovo percorso di livello +5 indosserò un cappello. Lo sceglierò assecondando il mio umore, le mie nuove esigenze, e lo cambierò spesso. Lo calerò leggermente sulla fronte, la tesa sfiorerà i miei occhi, e guarderò meglio, nasconderò meglio, svelerò meglio quello che dev’essere guardato, nascosto e svelato.

Sotto il sole o sotto la pioggia,  con il vento avverso o amico, non farà differenza. Ho deciso, anzi: è deciso.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF