(846) Faro

L’espressione “essere un faro nella nebbia” mi è sempre piaciuta. In realtà, è diventata con gli anni la mia massima aspirazione. Lo so, sono una presuntuosa. Non ho detto, però, che io ci sia riuscita a esserlo, ma che è la mia massima ambizione. Forse (certamente) è perché io ho trovato negli anni i miei fari nella nebbia. Persone che in qualche modo, anche loro malagrado, sono stati per me luce da seguire per ritrovare una sorta di via, una salvezza.

Esagero? No. 

In qualsiasi situazione uno si trovi, guardarsi attorno per trovare un appiglio, una via, è la prima regola del sacrosanto istinto alla sopravvivenza. E tutti, proprio tutti, abbiamo una priorità: sopravvivere. Questa condizione prevede una minaccia, un rischio che si palesa e diventa pericolo incombente. Se non fai qualcosa potresti soccombere. Sei disposto a rischiare? Quanto tieni alla tua vita? Bene, il viaggio dell’eroe presuppone questa emergenza affinché l’eroe inizi a darsi da fare per venirne fuori. E se è un eroe ne viene fuori, magari a pezzi, ma fanculo ne viene fuori.

Ok, come?

Con un aiuto. Sempre. Consapevole o inconsapevole che sia, quella luce arriva sempre da un faro. Una situazione, una cosa, una persona, Dio? Non importa, è indifferente, il fatto è che sopravvive. La luce è sempre un aiuto, a meno che non sia un raggio laser che ti colpisce in pieno mentre stai roteando la spada mimando Luke Skywalker. Vabbé, lì è una questione di furbizia. Non sei Luke Skywalker, fattene una ragione.

Comunque, siamo sempre in pericolo di vita o di morte?

Sì, solo che non ce ne accorgiamo. Prendiamo – giustamente – tutto molto alla leggera, altrimenti non ci sposteremmo di un metro. Ci dimentichiamo che stiamo su per un filo e che è un filo sottile, per fortuna viviamo da incoscienti. La questione è che se non ci fermiamo neppure per un secondo a valutare ‘sta cosa della provvisorietà, rischiamo di distruggere tutto quello che abbiamo. E allora, ogni tanto, pensare che se non facciamo quello che sentiamo dovremmo fare o se non diciamo quello che sentiamo dovremmo dire, il sasso inizia a rotolare giù e a farsi valanga. No, non esagero. S’inizia sempre dalle piccole cose.  A meno che tu non ti trovi in traiettoria precisa di un asteroide e schivarlo diventa difficile (se non altro per una questione di dimensioni), allora delle cose che ti accadono e che possono peggiorare col tempo te ne accorgi. Al massimo te ne freghi, perché sottovaluti le conseguenze e ti illudi che si risolva tutto prima di prenderti l’asteroide in testa, ma te ne accorgi. Neghi l’evidenza, fai lo gnorri, dai la colpa al cristo-che-ti-sta-più-vicino, ma te ne accorgi. 

Quindi?

Niente. Era un pour parler, come al solito. Ero partita dal faro nella nebbia e dalla mia ambizione. Ecco: se per un istante sono stata un faro nella nebbia per qualcuno, allora significa che quello che ho ricevuto ho dato e questo mi rimette in pace con me stessa e con il resto del pianeta. 

Stop.

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

(651) Purezza

Squarci di Essenza Celeste rimasti impigliati tra le maglie del nostro ipertrofico ego che riescono a farsi beffe di noi e sberluccicano in superficie: questa è la purezza per me. La si può trovare ovunque in giro, ma non troppo spesso sennò la si potrebbe considerare a buon mercato e perderebbe il suo effetto wow. Inutile lamentarsi che ce n’è troppa poca, che ne siamo carenti, inutile. Se ne avessimo di più la tratteremmo come ovvia, poco preziosa, roba da sprecare. Siamo fatti così noi. Non bene, ma siamo fatti così.

La cosa bella, secondo me, è che non la cogliamo in noi, ma negli altri. Credo sia notevole questo particolare perché è il fattore incontrollabile che ci avvicina ai nostri simili: rimani colpito da quello squarcio di purezza che cogli – a sorpresa – in un altro Essere Umano e sospendi per un istante il respiro e il pensiero. Bellissimo. Poi puoi anche ricominciare a odiare tutti, non importa, intanto il dubbio ti si è insinuato dentro e non vedi l’ora che ricapiti di nuovo. Starai più attento, sarai più in ascolto, perché speri che risucceda. Siamo fatti così noi. Malgrado i nostri sforzi, siamo ancora capaci di cose piccole e splendide.

Certo che è più probabile coglierla in un bimbo, la sacrosantapurezza, ma non è detto. Riesce a uscire allo scoperto quando le difese sono basse, quando un certo buonumore ci scorre dentro, quando un raggio di sole improvviso ci bacia in fronte. Scoperti e vulnerabili rendiamo palese un flebile candore ed è fatta. Da lì la meraviglia che consegniamo al mondo, inconsapevolmente, fa aumentare la possibilità che il mondo venga da noi – tutti noi – illuminato. 

Una questione di tenebre proprio. Che stai lì con la tua fida spada laser e fai del tuo meglio affinché l’innocenza del mondo venga difesa con onore. Come se fossimo stati sparati dentro Star Wars e fossimo tanti cloni di Luke Skywalker intenzionati a risollevare le sorti dell’Alleanza Ribelle. Proprio così.

La purezza di uno sguardo che coglie senza rubare. La purezza di un ascolto senza secondi fini. La purezza di un tocco che conforta senza pesare. La purezza di un sorso d’acqua che disseta e riporta in vita. La purezza di un respiro che fluidamente va e viene senza trattenere, senza sospendere, senza togliere. La purezza di un saluto che sorride, di una presenza che ti apre a un mondo che non conoscevi e ti fa felice, di un sussurro per non disturbare, di un silenzio che non invade, di un sospiro per non lasciare perdere e restare – ancora un po’. 

Mi piacciono questi squarci che mi abbagliano ogni tanto, non credo smetterò mai di cercarli. In ogni cosa, in ogni persona. Perché siamo così, perché sono così.

 

 

Share
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF